Electric Feel: la playlist electro-indie di NoisyRoad

by Maria Vittoria Perin

Condividi l'amore <3

Vi vedo già. Lì in un angolo, con il vostro gin tonic in mano mentre i vostri amici si buttano in pista sulle note di Alvaro Soler. Voi, lì avvolti nel vostro disagio, costantemente eletti protettori del vostro amico collassato sul divanetto, non volete scendere a patti con la musica elettronica e commerciale che per tutta la sera rimbomberà nel locale e per tutto il giorno seguente pure nelle vostre orecchie. State lì a guardare attorno a voi la gente che si muove a scatti a causa dello strobo, la tipa che vi piace che si limona incomprensibilmente proprio quell’altro tipo, il sedicenne sudaticcio che non si sa per quale strana ragione vi sbatte contro e vi saluta. Voi state lì e con metodo quasi maniacale analizzate in slow motion ogni centimetro della sala e ogni volto sorridente e pensate: “Ma io che ci faccio qui?”.

Voi creature da Primavera Sound, voi che ascoltate gli Strokes e che ai nuovi Coldplay preferite quelli di Parachutes, semplicemente non ci riuscite, non riuscite proprio a muovervi con quella musica. Sfortunatamente l’estate è arrivata e il vostro gruppo, come ogni anno, vi costringerà ad andare almeno una sera in discoteca. Non appena sentite la parola “Gabry Ponte” vorreste sparire, trovare una scusa plausibile, ammalarvi, e invece no. A voi le canzone in spagnolo fanno venire i nervi, 40 euro per fare tavolo li spendereste piuttosto per andare a vedere i Last Shadow Puppets, in Belgio volete andarci per il Rock Werchter non per Tomorrowland.

Fortunatamente, non tutta l’elettronica prodotta a questo mondo fa schifo. Daft Punk o Justice, vi dicono nulla? Diciamocelo, Random Access Memories sarà tra gli scaffali di metà dei lettori di NoisyRoad e l’altra metà nel lontano 2008 avrà una foto in cui imitava (I) dei Crystal Castles. La prossima volta che i vostri amici vi chiederanno di andare a ballare e lui non è il dj

tumblr_o8hbazJGou1qey885o2_540

o tra gli special guest non c’è DJ Windows 98, proponete di stare a casa, raccogliete gli amici giusti, comprate qualche bottiglia, tirate fuori i bicchieri e i limoni, e improvvisatevi voi dj con questa playlist! Indie, vi sfido a non ballare.

NB: Preparatevi a singalong interminabili e a circondare l’amico che riuscirà a cantare tutta Technologic con tanto di passi robot, ad un Flat Eric sul divano e all’amico con Shazam alla mano che vi dirà “Ma questa l’ho già sentita in una pubblicità”. Preparatevi a ritmi ripetitivi dei dj francesi e a quelli più tranquilli e trascinanti di qualche musicista inglese giusti per avvinghiavi a qualcuno, a balli frenetici e salti di cui le vostre ginocchia non vi ringrazieranno.

Condividi l'amore <3

Maria Vittoria Perin

Sogno costantemente concerti e nella realtà li aspetto come un bambino aspetta Natale, intanto colleziono testi di canzoni in un'agendina nera tappezzata di stickers di album. "If you lost your faith in love and music, oh the end won't be long" dovrebbe essere un mantra.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Dicci la tua


Unisciti alla NoisyNation!

NoisyNation
Gruppo Facebook · 614 membri
Iscriviti al gruppo
Gruppo ufficiale di NoisyRoad Vuoi parlare con qualcuno del nuovo album degli MGMT, ma l'ultima cosa indie che abbiano ascoltato i tuoi amici è la pu...
 
Ci trovi anche qui:

Artisti Emergenti