Kurt Vile | B’live I’m Going Down…

by Joss

Lo avevamo lasciato due anni fa con Waking In a Pretty Daze, il quinto album da solista di Kurt, leader dei Violators, che ora rompe il silenzio sulla sua personalissima scena musicale.

Con l’annuncio del primo singolo e la pubblicazione del video ufficiale Pretty Pimpin, il cantautore Kurt Vile, pubblica il sesto album B’lieve I’m Going Down.

 

kurt-vile-b’lieve-i’m-going-down-647x650

 

L’album, registrato tra Los Angeles e Joshua Tree, è stato rilasciato il 25 settembre con la Matador Records. Quest’ultima fatica del cantautore statunitense presenta un titolo che riassume, come ormai è tradizione dell’artista, ciò che Vile vuole dire perciò è in definitiva un disco riflessivo.

Atmosfere soft e meditabonde fanno da cornice all’album, accompagnate da arpeggi di chitarra ripetuti e pianoforte, presente quest’ultimo soprattutto nella parte introduttiva di alcune tracce, il tutto al solo scopo di prendere l’ascoltatore per mano e condurlo alla scoperta del mondo e di se stesso. Kurt ci presenta il suo modo di vedere il mondo: da spettatore, guarda il mondo dall’esterno, lo osserva attentamente, lo analizza e imprime nero su bianco i suoi pensieri così da lasciare una testimonianza della sua visione delle cose.

Nella traccia Pretty Pimpin Kurt mostra come delle volte ci sentiamo diversi, quasi non ci riconosciamo, “guardarsi allo specchio e non riconoscersi”. Altre riflessioni sono presenti anche in That’s life, Tho (almost hate to say) e Life Like This dove Vile, senza tanti giri di parole ma in modo schietto e sincero, ci dice com’è la vita. Non nasconde il dolore che prova nel riconoscere quanto può essere amara ma cerca di superarlo senza nascondere il desiderio di lasciare un ricordo positivo di se stessi a chi ci vuole bene come prova tangibile ed eterna della nostra presenza nel mondo, sebbene temporanea. Bad Omens fa da intermezzo nell’album: Kurt vuole prendersi una pausa tra una traccia-riflessione e l’altra, attraverso un minuto e 53 secondi di parte strumentale. Lascia che i sentimenti vincano sui pensieri, perché ora non servono le parole, la musica da sola fa da protagonista, e per Vile è fondamentale per creare un contatto con l’ascoltatore. A completare questa riflessione sugli aspetti della vita c’è Stand Inside, che è la traccia più romantica dell’album. La vita sarà sì costellata da eventi negativi ma ci sarà anche qualcosa che allieterà la nostra esistenza: sapere che si può contare su un’altra persona e che quindi non si è mai davvero soli. Vivere insieme e voler soddisfare chi è al nostro fianco è l’obiettivo per la piena realizzazione di sé.

Questo è Kurt, il ragazzo con la voce soul e la sua chitarra, pronto a vivere la vita in tutte le sue sfumature. Perché, appunto, “questa è la vita“.

Teresa

"La verità è che io vivo sempre nella mia infanzia, giro negli appartamenti in penombra, passeggio per le silenziose via di Uppsala, mi fermo davanti alla Sommarhuset ad ascoltare l'enorme betulla a due tronchi. Mi sposto con la velocità di secondi. In verità, abito sempre nel mio sogno e di tanto in tanto faccio una visita alla realtà".

Altri articoli che potrebbero interessarti

Dicci la tua


Ci trovi anche qui: