UP&COMING: Jarle Skavhellen

by Federica Di Gaetano

Nome: Jarle Skavhellen

Nazionalità
: Norvegese

Per quelli a cui piace anche: Iron & Wine, Ben Howard e Ásgeir

Miglior canzone: Matylda

Pubblicazioni: “Pilots


Perché hai iniziato a fare musica?
Per evitare di avere un vero lavoro.

Quali sono gli artisti che ti hanno influenzato maggiormente?
Tom Waits, John Frusciante, Jack White e molti altri.

Qual è la canzone che al primo ascolto ti ha fatto pensare “da grande voglio fare il musicista”?
Molte canzoni mi hanno spinto a voler fare il musicista. Smooth di Santana, Hey Joe di Jimi Hendrix… Ma penso che la prima sia stata Satisfaction dei Rolling Stones. Quella è stata la più importante per me.

Com’è la scena musicale in Norvegia e, più in generale, in Nord Europa?
Non so se valga per il resto della Norvegia e dell’Europa, ma a Bergen è abbastanza coesa. La maggior parte dei musicisti si esibisce negli stessi bar e suona l’accompagnamento per gli altri. È più un senso di comunità che di competizione.

C’è qualcosa di tipicamente norvegese nella tua musica?
Non direttamente, ma penso che i 6 mesi di buio e pioggia hanno decisamente un’influenza sull’atmosfera delle canzoni.

Descrivi la tua musica con tre aggettivi: maestosa, cupa e struggente.

Se “Pilots” fosse un’opera d’arte sarebbe?
Un cupcake molto bello. Del tipo così bello da farti dire: “wow, quel cupcake è un’opera d’arte”.

Qual è il verso di una tua canzone di cui vai più fiero?
Il coro di “The Ghost in Your Smile”. Fa: “Mmmm mmm… Mmmmm mmmm…

Se il tuo progetto fosse un drink, quale sarebbe?
Un Raspberry Cheesecake Martini.

Novità?
Mmmmm, no…

Dove ti possono trovare i nostri lettori?
Sul buon vecchio internet e nel pub locale.

Federica Di Gaetano

Vedo tutto rosa. Mi piace il folk. Non mangio gli animali ma non sono pazza.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Dicci la tua


Ci trovi anche qui: