Indie e meme: quando la risata si fa sonora

by Claudia Crivellenti

Quando è stata l’ultima volta che avete raccontato una barzelletta? E quando l’ultima in cui avete inviato ai vostri amici un meme che vi faceva venire gli occhi lucidi dalle risate o che vi ha almeno dipinto un ghigno divertito in volto?
Beh, per chi ancora vive in una caverna senza connessione Internet – come fate a leggerci dunque? -, questo è forse il primario uso dei meme: “una minima unità culturale come, ad esempio, una moda, una frase fatta, uno stereotipo, un modo di dire, una battuta di spirito, che si propaga tra le persone attraverso la copia o l’imitazione mediante disseminazione, condivisione e citazione.” (grazie Wikipedia, non sarei riuscita a spiegarlo altrimenti).

Qualsiasi cosa può essere oggetto di meme, anche la musica, soprattutto in questi ultimi anni in cui il successo di un artista si basa praticamente su quanto questi riesca a mettere in mostra se stesso ed i propri lavori nella grande teca espositiva che è la rete.

Pare ovvio e quasi superfluo dire che, sì, esistono un sacco di meme riguardo l’indie. Ho deciso quindi di condividere alcuni dei più virali con voi lettori!

Partiamo dunque da una delle fonti più grandi di meme di musica, in generale, ossia /mu/.
Ma cos’è /mu/? Una volta qualcuno mi rispose che è nient’altro che un antro oscuro dell’Internet, dal quale una volta entrata non sarei più stata in grado di uscire (e vi confesso che per scrivere questo articolo l’ho rischiata veramente grossa, considerati i molteplici bait da evitare e la mia impossibilità di capire come navigarlo).
Urban Dictionary forse sa rispondere a questa domanda in modo più accurato:

The music board on 4chan. Most of the music discussed on /mu/ is avant garde-experimental-noise-indie bullshit that nobody’s heard about. /mu/ users (often called /mu/tants) will flame anybody who likes anything else. Although there is a modest community of metalheads on /mu/ they are generally disliked by the obscure taste flaunting majority that inhabits the board. Basically, it is a big contest to see who listens to the most obscure bands. The less people have heard of the music you listen to, the better.

 

 

Due artisti facenti parte del cosiddetto “/mu/ core” – ossia una breve lista di album da cui si dovrebbe partire per avvicinarsi ad un certo genere, rivelandosi però solo la base da cui partire per memare  su quel genere – sono i Neutral Milk Hotel e i (miei adorati) Radiohead.


Il caso Neutral Milk Hotel

In An Airplane Over the Sea è il secondo lavoro dei Neutral Milk Hotel, uscito nel 1998.
L’album è particolarmente preso di mira dalla community in quanto spesso e volentieri considerato overrated. Dalle varie discussioni sono emersi quindi miriadi di sfottò basati sulla copertina dell’album stesso, quasi a canzonarlo per farlo “scendere dal piedistallo”.

 

@yeastsubstitute

 

 

Il mio meme preferito riguardo questo soggetto è però questo video, che non potevo fare a meno di condividere con voi:

 


Il caso Radiohead

In merito ai Radiohead ne abbiamo sentite di tutti i colori, specialmente negli ultimi giorni dopo le dichiarazioni emerse da Fox News – che ammetto, da fan dei Radiohead, mi abbiano fatta ridere non poco.

Per prima cosa, /mu/ consiglia, per avvicinarsi ai loro “electronic blip-blops”, di cominciare con l’ascolto di Kid A.

 

@ R a d i o h e a d m e m e s
@ R a d i o h e a d m e m e s

 

Credo che le vignette abbiano reso sufficientemente l’idea, no?

Ma i Radiohead non sono solo gli androidi paranoidi depressi e malnutriti che parlano di svegliarsi alla mattina con un limone in bocca…

1) I Radiohead e “Faster Jonny”

Il meme viene da un video della loro esibizione a Glastonbury nel 2003 in cui, mentre cantava Idioteque, Thom intimava Jonny di alzare il tempo della canzone.

Idioteque is never fast enough.

 

@ R a d i o h e a d m e m e s

2) I Radiohead, i soundcheck e le stazioni radio

Vi ricordate di quella volta in cui dei fan ad un concerto a Glastonbury quest’estate scambiarono un loro soundcheck per una nuova canzone? Oppure quando suonando al festival di Coachella sono stati costretti a interrompere il concerto per via di alcune complicazioni tecniche?

@ R a d i o h e a d m e m e s
@ R a d i o h e a d m e m e s

3) I Radiohead e le urla

Anyone can play guitar, but not everyone can scream like this.

@ R a d i o h e a d m e m e s
@ R a d i o h e a d m e m e s

Poi, avete presente quella parte di Weird Fishes/ Arpeggi in cui il testo dice “yeah, everybody leaves / if they get the chance”?
Avete mai fatto caso a quel lamento indefinito che c’è tra i due versi scritti appena qui sopra?

… ecco, quello è Ed O’Brien, che a quanto pare è come un Pokèmon, a cui piace urlare il suo nome.


Uscendo però dai /mu/-related memes, troviamo comunque molte perle di qualità, come…

Mr. Brightside coming out of his cage

Conosciamo tutti questa canzone e ancora meglio il suo testo.
A quanto pare, si adatta molto bene agli animali.


 Gli Arctic Monkeys: giacche di pelle, brillantina e…

Il meme più famoso, esploso dopo all’enorme successo che hanno ottenuto gli Arctic Monkeys, è quello del “listens once“, che mostra la differenza tra l’ascoltatore prima e dopo il primo play di una loro canzone.

Molto gettonate invece, nel periodo di San Valentino, sono i bigliettini d’amore a tema Arctic Monkeys.


Ancora a tema romanticismo, una delle più famose catchphrases a loro relativa è presa dalla canzone I Wanna Be Yours, in cui Turner canta di voler essere l’aspirapolvere della sua bella per poter “respirare la sua polvere”.

E per finire, avete mai notato la somiglianza tra il tizio di WPSIMTWIM e Adam Sandler?

 

Altra vittima del “listens once” è il canadese Mac Demarco, responsabile di aver portato i suoi ascoltatori a fare largo consumo di sigarette e vestiti vintage, a quanto pare.



Ma tranquilli ragazzi, abbiamo anche i memi made in Italy, come ad esempio…

– Il dilemma Pop_X-iano: si dice Pop ICS o Pop PER?

@ IndiePendenti
@IndiePendenti

– Il poliedrico Tommaso Paradiso, uomo dalle svariate personalità

@ IndiePendenti
@ IndiePendenti

– I Cani e l’occhio di Aurora

@ TheNotiziari
@ TheNotiziari
@ IndiePendenti

– Calcutta e i cinepanettoni

Theseeka ft. Calcutta

Posted by Theseeka on Freitag, 24. Februar 2017

Io ci scommetto quanto volete che De Sica sarebbe capace di rimorchiare davvero suonando Calcutta, this is fact not fiction guys.

 

Beh, avete meme da proporre?
Mentre li aspetto, mi riguardo il video del carlino che voleva solo re-imparare a camminare per la 80958457 volta…

Pug trying to walk again ft. Calcutta

Posted by Theseeka on Donnerstag, 2. März 2017

 

PS: nessun meme è stato creato da me, quando mi è stato possibile, ho inserito la fonte. E no, nessun carlino è stato maltrattato per la stesura di questo articolo.

 

Claudia Crivellenti

La mia vita è composta da musica, colori pastello, concerti, cani carini, meme, altra musica e cibo.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Dicci la tua


Ci trovi anche qui: