Happy Indie New Year: la playlist di Capodanno di NoisyRoad

by Alessia Nosari

Subito dopo la grigliata di Ferragosto, una e una sola domanda aleggia tra gruppi di amici e parenti: “cosa fai a Capodanno?”.
La fatidica domanda diventa sempre più spaventosa man mano che i mesi passano, fino a ritrovarsi a Natale senza nemmeno uno straccio di piano per la serata. “Ma sì, qualcosa faremo”. “Mah mangeremo da qualche parte”. “Prima o poi prenotiamo”. Sappiamo tutti come andrà a finire: il disagio regnerà sovrano. Come sempre, l’importante è avere persone che si amano intorno. E la musica giusta per affrontare la notte più lunga dell’anno.

Capodanno è sinonimo di lustrini, paillettes, spumante e fuochi d’artificio. È anche sinonimo di confusione, gente ovunque, prezzi alti e hangover stellari, ma noi siamo ottimisti e abbiamo deciso di seguire la prima corrente di pensiero, quella piena di glitter, sorrisoni e una scintillante playlist tutta da ballare. Che organizziate un festino in casa, che vi prepariate per uscire, che stiate stappando lo spumante o che siate in coda in mezzo al traffico, Happy Indie New Year vi accompagnerà durante la notte più lunga dell’anno, dall’aperitivo al fatidico conto alla rovescia. Abbiamo scelto le canzoni più glitterose di sempre, spaziando in lungo e in largo per cercare il giusto vibe per la serata.

Create l’atmosfera servendo ai vostri ospiti un aperitivo accompagnato da Vance Joy, Mumford and Sons e George Ezra: le loro hit più movimentate si abbineranno a meraviglia alle bollicine dello Spritz. Convertite gli amici scettici dai gusti classici facendogli notare quanto Iggy Pop, The Smiths e Elvis siano perfetti per una playlist di Capodanno. Caricateli bene con Personal Jesus dei Depeche Mode e Should I Stay or Should I Go dei Clash. A questo punto della serata, tirate fuori l’ombretto con i brillantini e la camicia appena stirata: si va in scena e non possono mancare i pezzoni dei Vaccines, Lorde, Daft Punk e Killers durante i preparativi davanti allo specchio. Una volta che l’alcol ha fatto effetto potete iniziare il karaoke sulle note di Africa, Heroes, Of the Night e Don’t Stop Believing. E se tra i buoni propositi per l’anno nuovo c’è anche quello di iscrivervi in palestra, anticipatelo mostrando le vostre mosse ballando con gli Eurhytmics, A-ha e Michael Jackson finché reggete. Cosa? Mancano 3 minuti e 59 secondi al 2018? Chiudete l’anno in bellezza così come si chiude la nostra playlist: con un tipico Final Countdown cantato a squarciagola.

Capodanno è una serata imprevedibile, divertente, difficile da dimenticare (o da ricordare) e per questo la festa non finisce subito dopo la mezzanotte. Dai singoli più in voga dal momento alle stelle del pop anni ’80, dal rock senza tempo al folk un po’ più ritmato, Happy Indie New Year continua per ben 5 ore di musica sfavillante per tutti i gusti, tutte le età e tutti gli ambienti. Quindi godetevi la festa, il trash, lo spumante, il trenino e il karaoke: auguri di un buon anno da parte di tutto lo staff di NoisyRoad per un 2019 indie e glitteroso!

Alessia Nosari

Mi lamento sempre della musica alla radio, raccolgo i centesimi tra i cuscini del divano per andare ai concerti e sogno di lavorare come tour manager di Bon Iver. Nel frattempo scrivo, cerco, scopro, ascolto musica non-stop.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Dicci la tua


Ci trovi anche qui: